La comunicazione black list ed il modello polivalente

Filed in Accertamento Fiscale, IVA by on 20 febbraio 2014 0 Comments

Modello di comunicazione polivalente

A seguito dell’introduzione del c.d. “Modello di comunicazione polivalente” le operazioni con Paesi black list effettuate dal 1° gennaio 2014 devono essere comunicate telematicamente utilizzando il quadro BL contenuto in detto modello.

Le prime scadenze interessate dall’obbligo di utilizzo del quadro BL sono perciò le seguenti:

  • 28 febbraio 2014, per i contribuenti mensili;
  • 30 aprile 2014, per i contribuenti trimestrali.

Si fa presente che non sono cambiate le regole per identificare:

-    i soggetti obbligati e le operazioni da comunicare: sono i soggetti passivi IVA (imprese e lavoratori autonomi) che effettuano, nei confronti di operatori economici (non privati) aventi sede, residenza o domicilio negli Stati o territori a regime fiscale privilegiato, le seguenti operazioni:

  • cessioni di beni/prestazioni di servizi rese;
  • acquisti di beni/prestazioni di servizi ricevute

Sono altresì obbligati:

  • gli enti non commerciali, relativamente alle attività di natura commerciale;
  • le stabili organizzazioni di soggetti non residenti;
  • i rappresentanti fiscali e le identificazioni dirette di soggetti non residenti

-    il momento rilevante per la presentazione: coincide, in linea generale, con la data di registrazione dell’operazione nei registri Iva ovvero, se precedente o alternativa, nelle scritture contabili obbligatorie;

-    la periodicità di presentazione: trimestrale qualora negli ultimi quattro trimestri e per ciascuna categoria di operazioni (beni/servizi) non sia stato superato il limite trimestrale di € 50.000 ovvero mensile, negli altri casi;

-    i termini di presentazione: la comunicazione va presentata entro l’ultimo giorno del mese successivo al periodo (mese/trimestre) di riferimento.

La compilazione del nuovo quadro BL

Innanzitutto si fa presente che nel frontespizio del “Modello di comunicazione polivalente” sarà necessario indicare il periodo, ossia “Anno di riferimento” e “Mese o trimestre di riferimento”, barrando poi le caselle “Dati aggregati” e “Operaz. con paesi Black-list”.

-    RIGO BL001
Vanno riportati i dati anagrafici del soggetto non residente.

-    RIGO BL002
Va barrata la casella “Operazioni con paesi con fiscalità privilegiata”; si ricorda che la compilazione del campo “Codice identificativo IVA” non è obbligatoria.

-    RIGHI da BL003 a BL008
Vanno indicati, facendo distinzione fra le operazioni attive e quelle passive:

  • l’importo delle operazioni imponibili (con la relativa imposta), non imponibili ed esenti;
  • l’importo delle operazioni non soggette ad Iva (si fa presente che per le operazioni attive occorre distinguere le cessioni di beni dalle prestazioni di servizi);
  • l’importo delle note di variazione, con la relativa imposta.

Tags: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *