Il decreto legge approvato ieri (27 novembre 2013) dal Consiglio dei Ministri, ancora in fase di definizione, ha modificato le percentuali relative al versamento dell’acconto IRES e IRAP 2013.

In particolare:

  • Per le banche, gli intermediari finanziari e le assicurazioni, l’acconto 2013 passa dal 101% al 130%;
  • Per le altre società di capitali, l’acconto 2013 dovrebbe passare dal 101% al 102,5% (il dato non è ancora certo);
  • La scadenza del versamento viene prorogata dal 2 dicembre 2013 al 10 dicembre 2013.

Nessuna variazione è invece prevista per l’acconto IRPEF e IRAP delle persone fisiche, il cui relativo versamento rimane confermato al 2 dicembre 2013.

Si segnala inoltre che per il solo anno 2013, l’aliquota IRES delle banche, degli intermediari finanziari e delle assicurazioni dovrebbe aumentare al 36%.

Infine è stato introdotto l’obbligo da parte degli enti finanziari di versamento entro il 16 dicembre 2013 di un acconto pari al 100% delle imposte versate in qualità di sostituto di imposta per il regime del risparmio amministrato. L’acconto sarà pari al 100% dell’imposta dovuta per il periodo dal 1 gennaio 2013 al 30 novembre 2013. L’importo versato a titolo d’acconto potrà essere dedotto dai versamenti che gli intermediari effettueranno a partire dal 1 gennaio 2013.

Precisiamo che il citato decreto legge è in fase di “definizione” e come tale potrebbe subire delle modifiche, anche significative, rispetto a quanto sopra enunciato.

Decreto Legge del 27 novembre 2013 di modifica degli acconti per le societa
Tag: